Ilucis: Sagrantino take-it-easy

Nel corso del mio recente viaggio in Umbria ho potuto far la conoscenza di una regione favolosa, che esprime paesaggi assolutamente emozionanti, città e paesi bellissimi come Gubbio e Todi addormentate nel tempo, e dei percorsi enogastronomici che non si fa fatica ad apprezzare.
Bando alle ciance, il vino che mi ha maggiormente colpito è stato certamente il Grechetto, ho degustato alcune bottiglie che mi hanno davvero emozionato: dei bouquet pieni e ricchi di fragranze fruttate e in bocca un equilibrio perfetto tra  acidità e frutto, con una persistenza molto buona.
Ma stavolta vi vorrei raccontare di tutt’altro, ovvero di un altro vino molto interessante: il Sagrantino.
Del Sagrantino si hanno notizie sin dal 1800 e non è un vino particolarmente noto, visto che viene attualmente coltivato solo nella zona di Montefalco e che originariamente il suo impiego maggiore era per l’appassimento e la vinificazione di un vino da dessert, che in parte si fa ancora oggi.IMG_20140108_195447
Attualmente il Sagrantino invece viene imbottigliato sotto la DOCG “Sagrantino di Montefalco” come vino secco, dopo almeno 12 mesi di affinamento in botte e messo in vendita dopo 30 mesi: per sua natura il Sagrantino è un vino assolutamente tannico e richiede diversi mesi di affinamento in legno e bottiglia per essere pronto.
Alcuni Produttori lo utilizzano anche negli assemblaggi con uve Sangiovese: tali produzioni ricadono sotto la DOC Montefalco Rosso.
Il vino che ho acquistato, in un enoteca di Gubbio dove mi sono davvero perso a parlare ore col proprietario dei vini di mezzo mondo, e che l’altra sera ho deciso di aprire è si un Vino ottenuto da Uve Sagrantino 100% ma è stato imbottigliato come UMBRIA IGT. L’azienda San Clemente ha deciso infatti di mettere in bottiglia questo Ilucis con soli 9 mesi di affinamento in botte: suppongo che la scelta sia stata dettata dalla presenza di vigne giovani che ancora non sono abbastanza mature per soddisfare le attese del produttore per i vini che imbottiglia come Sagrantino DOCG, o forse anche per proporre un vino diverso e da mettere sul mercato più velocemente.IMG_20140108_195508
L’annata è il 2010 e nel bicchiere si presentava con un vivace rosso rubino con toni violacei ( solitamente i Sagrantino degustati in passato erano molto più scuri a causa dei lunghi tempi di macerazione) e al naso con aromi di amarena e more oltre a dei sentori di tabacco e cannella, sullo sfondo.
In bocca è un vino di discreta  struttura, buona acidità e con dei tannini che l’enologo di San Clemente ha saputo tenere a bada; è rotondo grazie ad amarena e lampone in continuità con la degustazione olfattiva e in bocca il retrogusto che ricorda la gomma americana. Nel complesso un bel vino, anche se non complesso e profondo come un Sagrantino tradizionale ma certamente vincente sul rapporto qualità/prezzo.
La buona acidità e i tannini espressi poi, si sono sposati perfettamente con la costata di manzo cucinata ai ferri che mi ha ispirato stasera.

Annunci

Un pensiero su “Ilucis: Sagrantino take-it-easy

  1. Grande Vino, con rarpporto qualità prezzo eccezionale !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...