Ad oltre 503 anni dalla Zobia Grassa

Il giovedì grasso – 27 febbraio – dell’anno 1511 le strade di Udine e della provincia  furono teatro di una delle più sanguinose rivolte dell’Italia rinascimentale.

Due le fazioni coinvolte: gli zamberlani, che raccoglievano attorno al potentissimo Antonio Savorgnan il popolo dei borghi e poche famiglie nobili filoveneziane, e gli strumieri, i seguaci della nobiltà cittadina e castellana (feudataria) che si raccoglievano attorno alla famiglia Della. Moltissimi erano i motivi di dissidio, dalla politica cittadina filopopolare del Savorgnan, all’appoggio dato dallo stesso alla comunità ebraica udinese, all’orientamento filoimperiale tenuto da molti castellani nella guerra contro gli Asburgo allora in corso.zobia_grassa

Le cronache dell’epoca consentono di ricostruire solo in parte la dinamica dei fatti. La notizia che le truppe degli imperiali, chiamate dagli strumieri, fossero alle porte della città scatenò l’ira degli zamberlani che diedero l’assalto alle case e ai palazzi dei nemici con una caccia all’uomo che si protrasse per tre giorni. Dalla città la protesta si allargò nelle campagne trasformandosi in una grande insurrezione antifeudale animata dalle rivendicazioni contadine contro gli abusi nobiliari e per la restaurazione degli antichi diritti a difesa dei più deboli.

Venezia faticò assai a pacificare la Patria, colpita in marzo da un devastante terremoto a cui seguirono una carestia e lo scoppio della peste. Sotto la minaccia di una nuova invasione asburgica, Antonio Savorgnan, che pure era stato scagionato dalle autorità veneziane dalle responsabilità della rivolta, passò dalla parte degli imperiali. Di lì a qualche mese sarebbe stato assassinato per mano strumiera a Villaco.

Anche Moruzzo fu al centro delle vicende della Zobia Grassa, con i suoi due castelli.Per chi vuole saperne di più, c’è wikipedia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...