Fibra Ottica Regionale ERMES : pubblicati gli esiti delle gare, ora si inzinzi a collegare.

Ne abbiamo parlato decine di volte di questa famosa gara sopratutto qui e qui ed ora siamo finalmente alla conclusione di un perso difficile e che è stato purtroppo lungo quasi infinito oper i cittadini. Ricapitolando, la rete ermes è stata realizzata quasi completamente, la Regione ha collegato scuole, comuni ed alcune categorie di edifici pubblici, e poi ha messo “a gara” mediante concessione le restanti fibre ottiche non utilizzate affichè gli operatori proivati possano utilizzarle per fornire servizio ai cittadini.  L’avviso ( di gara) era del Maggio 2016 (http://www.regione.fvg.it/rafvg/cms/RAFVG/MODULI/bandi_avvisi/strutture/Direzione_centrale_infrastrutture_territorio/allegati/1_OEO-1601_AVVISO.pdf) e finalmente qualche giorno fa ne sono stati pubblicati gli esiti.

Chi ha vinto? o meglio, chi sono gli operatori che hanno richiesto di utilizzare le fibre ottiche della rete regionale Ermes per il territorio di Moruzzo?

  • Eolo
  • Fastweb
  • InAsset
  • TIM (telecom Italia)
  • NetGlobal
  • ST srl

Potete trovare copia dei decreti sulla pagina della Regione http://www.regione.fvg.it/rafvg/cms/RAFVG/infrastrutture-lavori-pubblici/telecomunicazioni/FOGLIA9/

Bene che coisa ci franno con queste concessioni?

In primis è opportuno precisare che l’operatore che riceve la concessione ( quindicennale) può utilizzare la stessa o meno per se stesso o per offrire dei servizi a terzi, non ha un tempo massimo entro il quale offrire un servizio, non ha una modalità obbligatoria per fornirlo o delle caratterisiche minime.

Tra gli operatori di TLC che hanno ricevuto la concessione vi sono alcuni nomi già conosciuti  e tra di questi certamente operatori che forniscono i loro servizi preferibilmente in modalità wireless, e altri che sappiamo per certo che prediligono offrire i loro servizi in modalità cablata. Adesso non ci resta che tenera aperti occhi ed orecchie e vedere cosa succederà nelle prossime settimane.

Quanto ci vorrà per la prima attivazione? sarà wireless o cablata?

 

Annunci

Fvg wi-fi . Aggiornamento Guida

Ho elaborato un piccolo aggiornamento sulla guida per accedere al FVG wi-fi .

Chiunque avesse voglia di migliorarla, sopratutto quella in inglese, è benvenuto

Guida Registrazione FVG wifi italiano

Registration to the FVG Wi Fi English

A Moruzzo, gli hot spot FVG wifi sono attivi:
– Presso la Sala Consigliare
– Presso Piazza Tiglio a Moruzzo
– Presso la Piazza del Gruagno a Santa Margherita del Gruagno
– Presso il piazzale delle scuole Elementari

 

Lunedi’ 12 Dicembre ore 20.30 : GENERAZIONE WHATSAPP Sicurezza in rete e Cyberbullismo: come proteggere, educare e responsabilizzare i nostri figli on-line

Il Comune di Moruzzo, all’ interno di un ciclo di incontri dedicati ai temi delle Nuove Tecnologie, ospita Lunedi’ 12 Dicembre una serata dedicata al il tema delle nuove gnenerazioni di Nativi Digitali che si muovono in maniera disinvolta sulla rete e dei nuovi genitori che si trovano talvolta senza strumenti sufficienti per educare e proteggere i propri figli online.

Saranno trattati i seguenti temi:
– Tutti i telefoni smartphones che utilizzano ora i ragazzi hanno accesso costante ad Internet. I ragazzi si sentono esperti, ma spesso ignorano i rischi e i reati che si possono commettere inconsapevolmente online.
– Tutto quello che un ragazzo minorenne fa, sia con i telefoni cellulari sia su Internet, ricade sulla responsabilità dei genitori.
– Quali regole e quali strategie per proteggerli e guidarli ad un utilizzo sicuro, responsabile e positivo di questi strumenti?
– Le nuove sfide per la famiglia nell’era digitale

Interverranno:
Marco Grollo: esperto di Media Education e Cittadinanza Digitale, socio fondatore dell’Associazione MEC
Giacomo Trevisan: esperto di Sicurezza on-line e Cyberbullismo, coordinatore regionale MEC

Saranno inoltre promossi i corsi di alfabetizzazione informatica organizzati dal Comune di Moruzzo e le attività del Centro PASI.

generazione-whatsapp-moruzzo-ok

Mercoledi 23 Nov ore 20.30 | WEB e PROMOZIONE del TERRITORIO: i cittadini sono i protagonisti

Prosegue la serie di incontri promossa dall’ Assessorato all’ Innovazione del Comune di Moruzzo all’ interno del Programma Regionale Pasi:

Mercoledi’ 23 alle ore 20.30 presso la Sala Consiliare del Comune di Moruzzo sara’ affrontato il tema del Web e del Turismo, sia per chi da operatore intende sfruttare il web per promuovere il propio territorio sia per chi da utente utilizza i nuovi strumenti multimediali per scegliere la meta delle proprie vacanze o del week end fuori porta.

La serata dal titolo “WEB e PROMOZIONE del TERRITORIO: i cittadini sono i protagonisti “ vedra’ tra i relatori: Giorgio Jannis, Esperto di innovazione tecnologica e sociale; Angela Biancat, Social Media Manager e consulente per Enti e Associazioni e un esperto della societa’ regionale Turismo FVG proporranno il loro punto di vista su come il digitale puo’ raccontare il territorio e valorizzare le realta’ locali.

Nel corso della serata saranno illustrati anche alcuni casi pratici di promozione mediante web e social media di piccole realta’ turistiche che grazie a investimenti attenti e una buona strategia sui digital media hanno saputo diventare brand riconoscibili di territorio.

turismo-ok

3 Serate sul Digitale per spiegare: Sanità, Marketing Territoriale e i Social Media nel Futuro

Al via una serie di Appuntamenti promossi dall’ Assessorato all’ Innovazione del Comune di Moruzzo all’ interno del Programma Regionale Pasi che afffronteranno il tema di come il Digitale sta cambiando le nostre vite e i nostri comportamenti e di come la Pubblica Amministrazione sta cercando di mettersi al passo innovando i suoi processi e i modi con cui sia approccia al cittadino.

Si parte Giovedi’ 17 Novembre con una serata dedicata al tema della Sanita’ dal titolo “In futuro un Robot ci curerà, intanto in Fvg…” a cui saranno parteciperanno Simone Puksic e Fulvio Sbroiavacca rispettivamente Presidente e Dirigente della Divisione Sanità della Societa’ Informatica della Regione (INSIEL) che ci illustreranno di come il digitale e’ sempre piu’ a supporto della salute mediante nuovi dispositivi e strumenti. Sarà presente anche l’associaizone friulana donatori di sangue di Moruzzo che spiegherà come si sta muovendo l’associaizone sui temi del digitale

La seconda serata prevista invece per il  Mercoledi’ 23 Novembre sara’ dedicata al tema del Web e del Turismo, sia per chi da operatore intende sfruttare il web per promuovere il propio territorio sia per chi da utente utilizza i nuovi strumenti multimediali per scegliere la meta delle proprie vacanze o del week end fuori porta. Alla serata dal titolo “Web e promozione del territorio: i migliori testimonial siamo noi” i due esperti Giorgio Jannis, Esperto di innovazione tecnologica e sociale e Angela Biancat, Social Media Manager e consulente per Enti e Associazioni proporranno il loro punto di vista su come il digitale puo’ raccontare il territorio e valorizzare le realta’ locali.

Lunedi’ 12 Dicembre infine la terza serata, dedicata ai bambini e ai genitori in cui i relatori Giacomo Trevisan, esperto di Cyberbullismo  e sicurezza in rete e Marco Grollo, Docente e formatore parleranno della cosidetta “Generazione Whatsapp” con un titolo che e’ tutto un programma “Generazione Whatsapp: le 10 cose che i nostri figli non ci diranno mai (se non glie lo chiediamo)”  Una serata che si propone di essere molto istruttiva per i genitori che tutti i giorni si chiedono come accompagnare i figli on-line nell’età dell’accesso alla rete. Regole e indicazioni sulla gestione educativa di tablet, smartphone, videogiochi e social media.

Tutte le serate si svolgerenno presso la Sala Consiliare presso il Municipio di Moruzzo alle 20.30.

Ripartono i Corsi del progetto PASI con la novità dei Social

L’informatica di base e l’utilizzo corretto dei social network sarà argomento dei corsi di informatica di Base che partiranno (gratuitamente) in questi giorni presso la sede dell’università delle Età Libere di Moruzzo . Fate girare la voce

 

internet_point_corsi_base_04ottobre

Insiel e Gli Enti Locali, una storia d’amore da ricostruire

Ho letto ieri con un po’ di amarezza l’articolo uscito su Messaggero Veneto rispetto ad Insiel non tanto sul tema Piano Industriale ma piuttosto sulle strategie della Software House Regionale per mantenere la posizione di leadership sul mercato.img-20160922-wa0002
Se da una parte confermo che anche gli enti locali più piccoli hanno “verificato” alcune rivoluzioni nella struttura delle divisioni aziendali e “percepito”  un consistente un cambio di strategia positivo da parte della Software House regionale, dall’altra parte invece penso che vada ribadito in modo chiaro e netto il punto d’arrivo di un percorso iniziato qualche anno fa che vorrebbe rafforzare la posizione dell’ azienda come punto di riferimento per gli enti locali.
E il punto d’arrivo non può essere diverso da una società che faccia da Service rispetto agli Enti Locali, in grado di aggregare la domanda, organizzare risposte Omogenee (in termini di software, ma anche di assistenza e consulenza) a problematiche simili e che garantisca rispetto ad interoperabilità dei dati e rispetto all’integrazione di Sistemi
Informativi anche di diversi Vendor.
Sempre con lo spirito di una profiqua e maggiore collaborazione fa bene la regione a sostenere che bisogna puntare su un maggior coinvolgimento degli Enti Locali, ma per fare questo sarebbe sufficiente renderli partecipi anche mediante la costituzione di gruppi di lavoro tecnici e progetti pilota.
In tal senso coordino da qualche tempo un tavolo tecnico formato da rappresentanti di piccoli comuni che ha provato piu volte a coinvolgere i sistemi informativi regionali per automatizzare alcune semplici procedure che ancora i piccoli comuni gestiscono a mano e in tal senso non è mai arrivato un vero coinvolgimento, tale da convincere taluni di noi che la soluzione vada cercata altrove.
Questo lo dico -con rammarico- da Assessore di  un Comune che sceglie nel catalogo Insiel il 90% dei software che utilizza e che non può essere quindi tacciato di antipatia nei confronti della software House regionale ma evidentemente se qualche amministrazione sceglie di rivolgersi altrove spesso non è per un vezzo o per sovrabbondanza di risorse .
A questo punto, piuttosto di tagliare i viveri, c’è da ricostruire una storia d’amore – quella tra gli EELL e la Software House regionale – e se son rose.. fioriranno.