Rifiuti, finalmente si cambia marcia

Non ce l’abbiamo fatta, a lasciarci alle spalle da soli questo schifo. Purtroppo da alcuni anni la sporcizia nelle piazzuole rifiuti è costantemente cresciuta.
Come era ampiamente prevedibile la maleducazione e chi se ne infischia degli altri e dell’ambiente che lo circonda non si risolvono con provvedimenti amministrativi.

In questi due anni di , il problema è stato affrontato più volte negli organi consiliari, nella Consulta dei Borghi e delle Frazioni, e nella giunta Comunale.
Consci che il cassonetto stradale sarebbe il miglior metodo di raccolta dei rifiuti se attuato correttamente, sono stati raccolti tutti i suggerimenti possibili (alcuni applicabili altri meno), abbiamo modificato il regolamento di polizia urbana raddoppiando le multe per chi conferiva in modo errato, triplicate per chi arrivava da fuori comune, intensificato il presidio presso i cassonetti e i controlli a campione, raccolto decine di segnalazioni dei cittadini, elevato decine di multe ( consci che quando si dà una multa si rischia di prendere in castagna chi ha sbagliato una volta e non chi lo fa abitualmente). Nonostante tutto questo poco, troppo poco, è cambiato e forse abbiamo abusato della pazienza dei nostri cittadini.

Finalmente, con deliberazione del 06 Luglio 2017 il Consiglio Comunale ha deliberato:

Da questo autunno ( verosimilmente dal 1° novembre) rimoveremo tutti i cassonetti presenti e anche carta, vetro, plastica e umido saranno raccolti porta a porta.

Perchè?
– Per migliorare la pulizia delle aree di raccolta, un pessimo biglietto da visita del nostro comune
– Per innalzare la qualià della raccolta differenziata: Moruzzo “produce” una grossa quantità di rifiuti differenziati, ma la raccolta è molto “sporca” : circa il 50% della nostra raccolta differenziata è scarto e deve essere riselezionata. Nella raccolta porta a porta lo scarto si riduce al 15% e anche gli introiti dai consorzi di riciclo crescono.
– Per una migliore responsabilizzazione del cittadino che conferisce il rifiuto in un bidoncino laddove chi non differenzia correttamente può essere identificato
– Per diminuire i conferimenti da fuori comune ;
– Per l’ambiente perchè differenziare meglio siginifica ricilare di piu e consumare meno risorse;
– Per avere una prospettiva di contenimento dei costi: agli inizi la raccolta costerà qualcosa di più ma nel medio tempo i costi dovrebbero diminuire,  questo in base alle prospettive che ci danno i tecnici e i trend del settore.

Il Comune di San Vito di Fagagna dove da alcuni anni si applica il metodo di raccolta porta a porta viene costantemente premiato a Roma come miglior comune della nostra regione per la raccolta dei rifiuti, io credo che i cittadini di Moruzzo non abbiano nulla di meno di quelli di San vito e possano arrivare agli stessi risultati.

La Consulta dei Broghi&Frazioni aveva anche suggerito di verificare la possibile applicazione della tariffa puntuale ( la tariffa basata cioè non sui residenti o sui metri quadri, ma su quanti sacchi effettivamente produci) ma forse è opportuno andare per gradi e a passare alla tariffa puntuale si è sempre in tempo.

Alla fine dell’estate partiranno ( con calendario che sarà comunicato) le lettere a tutte le utenze, le riunioni esplificative nei borghi e nelle frazioni, la consegna del materiale e dei bidoncini.

Per il rifiuto secco continuerà ad esserci una raccolta a settimana, mentre ogni due settimane la carta, la plastica e il vetro ( esclusi i bar per i quali la raccolta sarà settimanale), due volte a settimana infine per l’umido.

 

Annunci

Riavviare i cantieri abbandonati? In FVG si può

E’ una delle novità più interessanti del nuovo Regolamento per l’ Edilizia Convenzionata, uno strumento nato a seguito della Legge 1/2016 detta <<legge casa>> e consentirà agli operatori del settore ( le ATER,  le cooperative edilizie , le imprese di costruzione, le ASP e il privato sociale) di mettere a disposizione del mercato immobili in vendita ed in affitto a prezzi calmierati dopo aver stilato una convenzione con i Comuni. Il contributo che viene erogato fino a un massimo del 50% sul prezzo dell’immobile e per un massimo di 70.000 euro a coloro che hannno ISEE fino a 40.000. Sarà possibile anche la modallità di affitto quando questo può essere tramutato in vendita in un secondo momento.

La novità oltre nella fascia di reddito tra i 29.000 €uro e i 40.000 che non era mai stata oggetto di finanziamenti sta anche nel fatto che potranno rientrare nell’ edilizia convenzionata anche abitazioni e cantieri fermi da massimo due anni e che con il Tavolo Casa della Collinare avevamo segnalato alla regione come meritori di un interessamento con la finalità di recuperare alcuni cantieri avanzati ma abbandonati del nostro territorio anche nell’ottica di un recupero di aree già urbanizzate e che in una zona vocata all’ambiente e al turismo costituiscono un problema.

Speriamo che questa nuova misura possa dare i benefici attesi. Allego evidenza dell’articolo apparso su “il Gazzettino” il 9 Giugno

Isee Soggetto attuatore contributo Destinazione
Isee fino a 29.000 €uro Soggetto attuatore: ATER 50 % Massimo. Max 50.000-70.000 €uro ad alloggio Affitto
Soggetto attuatore: Altri Soggetti 30% massimo di costo. 20.000-25.000 Vendita o Affitto con patto di futura vendita
Isee da 29.000 €uro fino a 40.000 €uro Soggetto attuatore: Altri Soggetti 30% massimo di costo. 20.000-25.000 Vendita o Affitto con patto di futura vendita
Maggiorazioni:

+10% sull’incentivo per:

 

• Iniziative in Comuni interamente montani

• Interventi in zone omogenee A e B0 (centri storici)

• interventi di recupero con efficientamento energetico (classe B)

• Interventi con miglioramento sismico (due classi di rischio).

link al sitoo della regione: edilizia convenzionata e regolamento

Contributi fino al 50% delle spese per la rimozione delll’amianto. Scade 31/7

La società A&T2000 che si occupa di gestire la raccolta rifiuti nel Comune di Moruzzo ci segnala che:

  • La regione FVG ha approvato uno stanziamento per l’erogazione di contributi per la bonifica, la rimozione, il trasporto e lo smaltimento dell amianto presente su edifici residenziali e pertinenzze.
  • Il contributo è del 50% della spesa fino a 1500 euro
  • La società A&T2000 attraverso il proprio ufficio rifiuti speciali si offre di preparare le domande di contributo a seguito di un sopralluogo e preventivo gratuiti.

I recapiti per contattare l’ufficio “Rifiuti Speciali” sono tel 0432 699617 email rifiuti.speciali(chiocciola)aet2000.it

 

contributi_amianto_moruzzo_2017.jpg

Puliamo Moruzzo: Prima Edizione

Sabato 6 Maggio, con alcuni volontari e il supporto della protezione civile è stato il giorno di Puliamo Moruzzo, una prima volta che speriamo diventi una buona abitudine per il futuro.

In particolare quest’anno ci siamo concentrati su due iniziative:

  • pulizia dei rifiuti abbandonati lungo le strade, fossi e corsi d’acqua (raccolto circa 1 quintale di rifiuti)
  • liberato il rio Lavia nella zona dalla borgata di Mazzanins alla borgata di Lavia da tronchi e ramaglie che limitavano il deflusso dell’acqua e che potevano costituire sbarramenti pericolosi in caso di forti piogge come un paio di anni fa.

Un ringraziamento sentito quindi a tutti i volontari che han partecipato, alla squadra di Protezione Civile e agli Alpini di Moruzzo che han preparato la pastasciutta

Al prossimo Anno!

in foto alcuni momenti della giornata con alcune foto dei Volontari.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Diversificazione, Agricoltura e Agriturismi

La Regione FVG finanzia le operazioni che prevedono investimenti nell’ambito della “agricoltura sociale”, delle fattorie didattiche, dell’agriturismo in senso classico; in pratica, tutte le forme di diversificazione dell’agricoltura verso attività collegate e complementari (multifunzionalità), in modo da permettere all’impresa agricola un miglioramento della competitività, il consolidamento della struttura aziendale, l’integrazione del reddito, la sua permanenza sul territorio e il coinvolgimento dei componenti della famiglia rurale come soggetti imprenditoriali.

(link al sito della Regione FVG)

Prima Casa: dalle regione fino a 17.500 euro per chi ristruttura (anche dopo acquisto)

Ci sono alcune novita’ sui contributi per la Prima Casa, mi piaceva parlarne sul blog perche’ la notizia e’ uscita sui giornali ma purtroppo senza sufficiente clamore

Innzitutto le domande sono gia’ presentabili da Dicembre e a differenzza del passato, non e’ piu’ necessario accenderfe un mutuo per beneficiare del contributo e il contributo non viene erogato in piccole tranche annuali, ma in un unica soluzione. Due novita’ importanti che in passato avevano fatto desistere in molti dalla richiesta del contributo.

Perseguendo la politica dell’ attuale Giunta Regionale, i coarton26116ntributi sono destinati sopratrutto a chi ristruttura ( la casa dei nonni) oppure chi acquista un immobile da recuperare e lo intende mettere in ordine. Per chi preferisce comunque un immobile nuovo, la L.R. 1/2016 prevede comunque dei finanziamenti destinati pero’ alla sola edilizia convenzionata.

Per chi intende recuperare un abitazione gia’ in suo possesso il contributo e’ erogato qualora si sia in presenza di una di questa attivita’:
– RISTRUTTURAZIONE URBANISTICA
– RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA
– RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO
– MANUTENZIONE STRAORDINARIA
– INTERVENTI DI RECUPERO ENERGETICO

Per chi invece acquista e recupera un abitazione il contributo e’ erogato qualora si sia in presenza delle attivita’ di cui sopra, anche se eseguite dal venditore

Per ottenere il contributo e’ necessario effettuare lavori per almeno 30 000 Euro e avere un ISEE non superiore a 29.000,00 euro

I contribiuti erogati sono nella misura di :
a) per l’Acquisto con contestuale recupero: 15.000,00 euro
b) per la Ristrutturazione urbanistica, Ristrutturazione edilizia, il Restauro e risanamento conservativo: 13.000,00 euro
c) per la Manutenzione straordinaria, e per gli interventi di risparmio energetico: 10.000,00 euro.

Maggiorazioni di 2500 euro previste per i comuni montani oppure qualora ci si trovi in condizione di svantaggio (- anziani  con almeno 65 anni compiuti; giovani fino ai 35 anni; singoli con minori disabili, nuclei familiari monoreddito, famiglie numerose con almeno tre figli conviventi, nuclei familiari con anziani o disabili, destinatari di sfratto o ordine di rilascio dell’abitazione familiare in sede di separazione o divorzio o scioglimento unione civile)

Sperando di aver fatto cosa utile o gradita, per tutte le altre info vi rimando al sito della regione

15665936_771914439631677_8017925833459461255_n