#classe1998 – Compi 18 Anni nel 2016 ? per te un bonus da 500 euro

Da ieri tutti i diciottenni delle Città italiane avranno diritto a 500 euro da spendere in cultura. E’ operativo infatti 18app, il bonus nato dall’idea che per ogni euro investito in sicurezza, un euro vada investito in cultura.

Chi ha compiuto o compirà 18 anni nel 2016, dunque, potrà per oltre un anno spendere 500 euro entrando nei musei o nelle aree archeologiche, vedendo un film, una mostra o uno spettacolo teatrale, ascoltando un concerto, comprando un libro. Un incentivo a fruire dei nostri beni culturali, insomma, per i ragazzi che entrano ufficialmente nell’età adulta.

Per accedere al fondo basta registrarsi al sito www.18app.it  (o www.diciottapp.it), al quale dovranno registrarsi anche gli esercenti..

Nel dettaglio, i 500 euro potranno essere usati per acquistare biglietti o abbonamenti per cinema e teatro, biglietti per concerti e spettacoli dal vivo, libri, biglietti di accesso a musei, mostre, aree archeologiche, monumenti, gallerie, fiere culturali, parchi naturali.”

Annunci

Bonus Energia Elettrica: Domande fino al 30 Aprile

Fino al 30 Aprile è possibile richiedere presso il nostro comune il Bonus Energia Elettrica.

Il Bonus che può arrivare al massimo a 500 € viene erogato sulla base dei costi di energia elettrica sostenuti durante il 2013, ed è conduizionato al possesso della Carta famiglia.

carta,famiglia,moruzzo,comune,bonus,energia,elettrica

La domanda della Carta famiglia va presentata in qualsiasi momento dell’anno allo sportello Assistenza del nostro Comune.

La domanda può essere presentata da:
– uno dei genitori
– il genitore separato o divorziato che ha cura dell’ordinaria gestione del figlio a carico e che con esso convive
– uno dei genitori adottivi o affidatari, fin dall’avvio dell’affidamento preadottivo
– la persona singola o uno dei coniugi delle famiglie affidatarie di minori ai sensi della legge 4 maggio 1983, n. 184 (Diritto del minore ad una famiglia).

Chi presenta la domanda deve essere residente in Friuli Venezia Giulia al momento della presentazione stessa.

Ai fini della presentazione della domanda, va compilato un modello di richiesta (vedi il fac simile disponibile alla voce “modulistica”) nel quale va dichiarato il possesso di attestazione ISEE del proprio nucleo familiare in corso di validità e, eventualmente, vanno presentati i documenti di volta in volta richiesti per l’attivazione dei singoli benefici.
Il Comune verifica la sussistenza dei requisiti d’accesso, provvede all’inserimento dei dati nel sistema e rilascia un’attestazione (identificativo di Carta famiglia) che va conservata.

Carta famiglia scade il trentesimo giorno successivo alla scadenza dell’attestazione ISEE posseduta e dichiarata in fase di richiesta. Per rinnovarla è necessario farsi rilasciare nuova attestazione ISEE e dichiararne il possesso al Comune.

ATTENZIONE: Il titolare è tenuto ad avvertire prontamente il Comune in caso di furto, distruzione o smarrimento dell’identificativo nonchè di trasferimento della residenza fuori Regione o in diverso Comune della Regione.

La Carta famiglia può essere revocata in caso di violazioni alla normativa relativa al suo utilizzo.

 

Per maggiori info: il sito della regione fvg il sito del Comune di moruzzo

Mille Euro dalla regione fvg per auto meno inquinanti

Riporto questo articolo, pubblicato sul Messaggero Veneto circa il bonus rottamazioni previsto dalla finanziaria 2014. E’ una notizia molto interessante che non tutti conoscono.

Ancora un anno a tinte fosche per il mercato dell’auto, ma in Friuli Venezia Giulia ci sono i margini per un moderato ottimismo. Il 2013 è stato ancora in calo anche se la flessione è stata decisamente più contenuta rispetto all’anno precedente. E i dati dell’ultimo mese del 2013 fanno ben sperare per il settore, tenuto contodell’imminente partenza dei nuovi incentivi regionali, per i quali si sta definendo il regolamento attuativo. Incentivi che potrebbero dare ulteriore ossigeno a un settore che, dal 2009, ha visto ridursi di quasi il 50% il giro di affari.

Boccata d’ossigeno
Il via ai nuovi bonus rappresenta una «buona notizia», secondo il capogruppo Auto Moto e Ricambi di Confcommercio provinciale di Udine e regionale Giorgio Sina, che ricorda come, secondo la norma inserita nella Finanziaria regionale, c’è la possibilità di ottenere un contributo da mille euro per l’acquisto di una nuova vettura, se si rispettano determinati paletti. «Un contributo possibile grazie ai 3 milioni di euro stanziati in Finanziaria – commenta Sina – ed effetto del pressing di Confcommercio nei confronti della giunta Serracchiani, che ringraziamo per aver compreso le difficoltà del comparto e la lungimiranza del provvedimento».

I beneficiari
Per poter accedere al contributo (i clienti lo possono già chiedere in concessionaria per avviare le pratiche che saranno poi gestite, come già nel 2011, dalle Camere di commercio) è necessario rottamare un’auto vecchia di almeno 10 anni e acquistarne una nuova con emissioni entro il limite dei 120 grammi di anidride carbonica. «L’iniziativa, aperta ai soli nuclei familiari sotto i 50mila euro di reddito lordo annuo, consentirà una ripresa del mercato nei primi mesi dell’anno», assicura l’esponente di Confcommercio.

Il bilancio 2013
Il 2013 ha fatto registrare 23.818 immatricolazioni in Fvg, con un calo di oltre 1.700 unità (-6,84%). Pordenone è la provincia che ha avuto il calo più evidente (-8,37%) arrivando a 6.565 immatricolazioni, Udine, con le sue 11.049 nuove vetture ha fatto registrare un -7,03%, mentre a Gorizia le immatricolazioni sono state 2.237 (-6,32%); più contenuta la flessione a Trieste con 3.967 nuove matricole, pari a -3,95% rispetto all’anno precedente. Numeri negativi ma comunque una frenata della crisi del settore se si considera che nel 2012 il calo in regione era stato del 26%. A dare speranze in una ripresa del mercato sono i dati del mese di dicembre che hanno riportato il segno “più” rispetto allo stesso periodo del 2012.

La ripresa in dicembre
Le immatricolazioni nell’ultimo mese del 2013 hanno superato quota duemila (complessivamente 2.085) mentre l’anno precedente si erano fermato a 1.978, con un incremento del 5,41% nell’intero Friuli Venezia Giulia. Tutte e quattro le province hanno dato segni di ripresa a dicembre 2013, con Gorizia che fa segnare un recupero nettissimo (+33,86%), peraltro dovuto alla targatura di fine anno di alcuni noleggi delle Ford; cresce anche Trieste (+8,14%) ma sono in ripresa, seppure meno evidente, pure Pordenone (+1,39%) e Udine (+1,10). Dati che lasciano un po’ di ottimismo agli operatori del settore anche se rimangono le “cicatrici” di una crisi che ha colpito duramente il mercato automobilistico negli ultimi anni.

Timido ottimismo
Sina, assieme al capogruppo di Pordenone Stefano Zomero, si dice «ottimista ma inevitabilmente preoccupato di fronte a un dimezzamento delle vendite dal 2009 a oggi, con una tenuta del solo mercato dell’usato dopo il -10% registrato nel 2012». Per l’anno appena iniziato le stime a livello nazionale sono improntate a un moderato ottimismo, ma da parte dei rappresentanti regionali di Confcommercio resta comunque grande cautela: «A livello nazionale si stima un incremento del 2-3%, ma preferiamo tenere i piedi per terra: in Friuli Venezia Giulia sarebbe già positivo frenare le perdite».