Moruzzo: fino a 1500 Euro dal Comune ai privati che installano Antrifurto o Telecamere

Approfitto del mio blog per segnalarvi quest’ inziativa di finanziamento ai privati cittadini che installano sistemi di Videosorveglianza o Antifurto che diversi comuni della nostra regione stanno mettendo a bando in questi giorni e che anche il Comune di Moruzzo si prepara a fare. Ne avevamo gia’ parlato sei mesi fa quando la misura era stata finanziata.ladri
Con l’intento di sostenere le iniziative finalizzate ad aumentare la sicurezza delle abitazioni private, prevenire e fronteggiare i fenomeni di microcriminalità, i comuni di Moruzzo, Colloredo di M.A.,fagagna, San Vito di Fagagna hanno pubblicato un bando per la concessione di contributi per l’acquisto e l’installazione di sistemi di sicurezza. Questa iniziativa è stata realizzata grazie al contributo della Regione FVG rientrante nel programma di finanziamento in materia di politiche di sicurezza per l’anno 2016.
Saranno ammessi a contributo i sistemi antifurto, antirapina e/o antintrusione, i sistemi di videosorveglianza (esclusi gli impianti di videocitofonia), porte e persiane blindate, grate e inferriate.
Saranno finanziabili gli interventi eseguiti su immobili o porzioni di essi, come case singole o appartamenti in condominio nei quali risiede il nucleo familiare della persona fisica richiedente, il quale potrà presentare una sola domanda di contributo. La spesa massima ammissibile a contributo sarà di 3.000,00 euro (Iva inclusa). Non saranno invece finanziabili interventi per spese inferiori a 1.000,00 euro e il contributo massimo erogabile non potrà superare il 50% della spesa ammessa, questo significa che viene concesso un contributo dai 500 ai 1500 euro ciascuno.
Per accedere al contributo è necessario essere residenti in Friuli Venezia Giulia da almeno 2 anni e avere un’ISEE in corso di validità non superiore a 35.000,00.
Le domande possono essere presentate gia’ da oggi presso il Comando di Pulizia Municipale di Fagagna, dove potete richiedere anche il fax simile della domanda.

Allegato : bando_moruzzo_finanziamenti_sicurezza

Annunci

incentivo di 70mila euro per i giovani in agricoltura

quando si leggono buone notizie come queste è doveroso parlarne, sopratutto perchè in questi momenti sono in tanti i giovani che pensano di tornare ai mestieri legati al settore primario, e quindi poerchè non incentivare l’avvio di queste nuove imprese

Approvato il regolamento attuativo delle agevolazioni per l’insediamento di giovani in agricoltura. Un premio di 70mila euro per l’insediamento e possibilità di accedere ad un mutuo. L’obiettivo della misura, gestita da Ismea, è favorire il ricambio generazionale in agricoltura mediante l’inserimento di giovani nella conduzione di imprese agricole competitive.

Soggetti beneficiari
Sono beneficiari delle agevolazioni i giovani agricoltori, anche organizzati in forma societaria, che intendono insediarsi per la prima volta in una impresa agricola in qualità di capo azienda e che presentino un piano aziendale per lo sviluppo dell’attività agricola articolato su un periodo di almeno 5 anni che dimostri la sostenibilità economica e finanziaria dell’operazione. Sono esclusi dalle agevolazioni i giovani che si insediano in aziende create dal frazionamento di aziende esistenti.

Requisiti 
età compresa tra i 18 ed i 39 anni al momento di spedizione della domanda del beneficiario. In caso di società di persone o di capitali il requisito dell’età deve essere dimostrato per la maggioranza assoluta e numerica. L’esercizio dell’attività agricola nel territorio nazionale. L’insediamento deve avvenire successivamente alla presentazione della domanda di ammissione all’agevolazione che decorre dalla data di assunzione della gestione dell’azienda.

Per l’insediamento deve avvenire in azienda che rispetti almeno il numero di UDE – ULU minimo previsto dal PSR 2014 – 2020. Il beneficiario si impegna a condurre l’azienda per un periodo minimo di cinque anni a decorrere dall’insediamento, salvo cause di forza maggiore.

Condizioni
1) Presentazione di un piano aziendale che dimostri la sostenibilità economica e finanziaria dell’operazione di leasing in relazione allo sviluppo dell’attività agricola articolato su un periodo di almeno 5 anni.
Il piano aziendale può prevedere, laddove necessario, investimenti diretti all’ammodernamento aziendale, eventualmente finanziati da altre fonti pubbliche nazionali o comunitarie.

2) Possedere adeguate capacità e competenze professionali attestate da titolo di studio o da esperienza lavorativa di almeno 2 anni in qualità di coadiuvante ovvero di lavoratore agricolo documentata dall’iscrizione al relativo regime previdenziale oppure attestato di frequenza con profitto a idonei corsi di formazione nazionali o regionali.

E’ concesso al giovane un periodo di adattamento non superiore a 36 mesi a decorrere dalla data in cui è stata assunta la decisione individuale di concessione dell’aiuto per soddisfare i requisiti relativi alla capacità e competenza professionale, purché tale esigenza sia indicata nel piano aziendale.

Agevolazioni
Il premio di insediamento è concesso nel quadro di un’operazione di leasing finanziario concesso da Ismea, finalizzata all’acquisizione dell’azienda agricola ed è erogato in due tranches nell’arco di un periodo massimo di cinque anni. Il leasing dovrà essere rimborsato in rate semestrale posticipate.

Il premio di insediamento è concesso in conto interessi, ad abbattimento delle rate, da restituire secondo un piano di ammortamento, di durata variabile, a scelta del soggetto beneficiario, tra un minimo di 15 anni e un massimo di 30 anni. L’intensità dell’aiuto è calcolata sulla base del tasso di riferimento fissato periodicamente dalla Commissione europea per le operazioni di attualizzazione, vigente al momento della
concessione del sostegno.

Criteri di valutazione della domanda.
sussistenza dei requisiti soggettivi e oggettivi;
validità tecnica, economica e finanziaria dell’iniziativa proposta, con specifico riferimento a: attendibilità professionale del soggetto proponente; affidabilità del piano finanziario; redditività e livello tecnologico del progetto; potenzialità del mercato di riferimento.

Esclusioni

Soggetti che hanno già ottenuto un premio di primo insediamento
Soggetti che si insediano in società nelle quali in precedenza si era già insediato un altro giovane beneficiario
Soggetti che hanno già acquisito la qualifica di contitolare di una impresa o di una società Agricola.
Operazioni tra coniugi e figli
Tra coniugi
Tra affini entro il 1° grado (suocera/o – genero/nuora)
Tra società quando uno dei soci amministratori della società venditrice sia socio/amministratore della società acquirente
Soggetti richiedenti che svolgono attività agromeccanica

Banda Larga. A Moruzzo Tornano gli Incentivi

Mi piaceva il tema degli spingitori di banda larga:  spingitori, perchè dopo i tanti proclami bisogna passare ai fatti concreti. Stimolando il privato a darsi da fare, stimolando i cittadini a dotarsi di un infrastruttura, come una connessione a internet in banda larga, che davvero può segnare o meno la capacità di una generazione di stare al passo con il resto d’europa.

Tornano allora  anche quest’anno, dopo che già nel 2010 avevamo avviato una prima fase, i contributi per coloro che attivano un abbonamento a internet. Questa volta però sono per tutti, famiglie e singoli. Unico vincolo è il reddito.  Ricordo ai cittadini di Moruzzo che sul sito del Comune sono elencati tutti gli operatori che forniscono il servizio a moruzzo e con i quali si può collegarsi a internet usufruendo dell’incentivo.

Di seguito il comunicato inviato alla stampa.

L’amministrazione Comunale di Moruzzo continua a ritenere doveroso porsi coma parte attiva nel superamento del Digital Divide che interessa gli abitanti del nostro territorio in maniera  significativa.
Superare il Digital Divide  peraltro non significa soltanto mettere tutti in grado di accedere a internet ma anche di utilizzarlo correttamente, promuovendo la conoscenza di questo importare strumento oggi che le aziende e la pubblica amministrazione iniziano ad erogare i loro servizi anche online.
Una prospettiva, questa, che ha dei risvolti sociali ed economici, dal momento che al giorno d’oggi l’utilizzo base di un Personal Computer e della rete è richiesto quasi in tutti i luoghi di lavoro.
Per questo motivo abbiamo deciso di stanziare un fondo mettendo a disposizione di famiglie e singoli un benefit di 100€ per coloro che sottoscriveranno ( o hanno già  sottoscritto a partire dal 01 gennaio 2014) un abbonamento per la connessione a Internet in Banda Larga.
I requisiti per presentare la domanda, entro e non oltre il 21 Novembre,  sono la residenza nel Comune ed il possesso della Carta Famiglia oppure un ISEE entro i 30.000€ per i singoli.
Un occasione anche per gli operatori che offrono contratti di navigazione in internet di  migliorare la copertura dei servizi sul territorio e di far conoscere le loro offerte ai cittadini.

Per  tutte le info sul bando o sugli operatori che fornisco il servizio, visitare il sito www.comune.moruzzo.ud.it oppure contattare l’ ufficio Assistenza del Comune di Moruzzo.

Dimenticavo. Stavolta ho fatto anche l’infografica. Che ve ne pare?

 

infografica_cittadini_2014_bando_banda

Download: [lettera di presentazione] [bando comunale] [modello per la domanda]

 

Un grazie a chi ne sta parlando sulla carta stampata e non. Perchè quando si parla di banda Larga la prima cosa da fare è informare, parlarne e discuterne. E’ l’unica maniera per immaginare una luce in fondo a un tunnel.

Udine 20 : http://www.udine20.it/incentivi-per-la-banda-larga-nel-comune-di-moruzzo/La vita Cattolica : http://www.lavitacattolica.it/stories/cronaca/6415_banda_larga_100_euro_dal_comune_a_chi_si_collega