Chi balla con i 20 milioni del’Agenda Digitale?

Nella prima bozza della legge di stabilità i fondi stralciati a luglio con il decreto del Fare, erano improvvisamente ricomparsi “per il completamento del Piano nazionale banda larga è autorizzata la spesa di 20,75 milioni di euro per l’anno 2014” recitava il testo della bozza.
Oggi una seconda bozza della legge di stabilità, autorizza la spesa per il completamento del Piano ma non quantifica le risorse necessarie, il che significa che non sarà previsto all’interno della Legge di Stabilità uno stanziamento ad hoc.
chi_balla_con_i20mln
Si trattava dei 20 milioni stralciati a luglio con il decreto del Fare. Le modifiche erano state testo decise nelle Commissioni Bilancio e Affari e Costituzionali della Camera per coprire altri provvedimenti. I 20 milioni facevano parte dei 150 finanziati dal Crescita 2.0 per l’Agenda Digitale che sarebbero serviti a eliminare il digital divide al Centro Nord.

Il recupero della cifra grazie alla legge di stabilità era stato prospettato dal vice ministro allo Sviluppo Economico, Antonio Catricalà: “Non possiamo tornare indietro sulle promesse fatte e dobbiamo recuperare questi 20 milioni. Troveremo la copertura nella legge di stabilità“.

Sono bastate poche ore per smentirsi. Speriamo che cambi idea.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...